Inizio.

Genio.

Come altro intitolare un post dedicato a Franco Fontana?
Chi, come il sottoscritto, è appassionato (anche) di fotografia, non può non sapere chi è né può non aver mai contemplato una sua foto, probabilmente sentendosi, al contempo, ammirato e insignificante. Come fotografo o aspirante tale, s’intende.
Ma chi è un genio? Esistono molte definizioni e accezioni di questo sostantivo, alcune più raffinate, altre più popolari, ma tutte più o meno accettabili. Quella che, però, mi è rimasta maggiormente impressa finora è la seguente: “genio è colui che conosce la risposta prima ancora di essersi posto la domanda”. Una definizione, questa, tanto efficace nella forma quanto affascinante nella sostanza per la sua capacità di suggerire l’accostamento della genialità a un potere quasi soprannaturale, a una qualità tanto rara da meritare incondizionata ammirazione.
A guardarle, le immagini di Franco Fontana si presentano indubbiamente come geniali. Non occorre nemmeno essere appassionati di fotografia per comprenderne e apprezzarne la minimalistica grandezza. È sufficiente essere dotati del senso della vista.
Tuttavia, dopo aver letto un po’ di lui e, magari, averlo anche sentito parlare con quel suo accento emiliano tutt’altro che ultraterreno, ecco che l’idea cristallina e quasi mitologica della genialità inizia a incresparsi, lasciando trasparire spiegazioni più articolate, sfumate, umane. L’accecante fascino del divino cede via via il passo a una trama fatta certamente di talento naturale, di sensibilità genetica, di un dono di quelli che «ce l’hai o non ce l’hai», ma anche, e non in misura trascurabile, di passione, impegno, esperienza, ricerca caratterizzata da fallimenti prima che da successi, dal pensiero prima che dalla tecnica, dalla voglia di mostrare agli altri qualcosa di apparentemente invisibile più che dalla mera ambizione di diventare «qualcuno».
Franco Fontana, come tanti altri fenomeni nei più svariati ambiti, è questo per me: uno che, oltre a poter fare qualcosa di eccezionale nella comunicazione visiva, ha desiderato fortemente fare qualcosa di eccezionale nella comunicazione visiva. Nei decenni si è cimentato con molti soggetti diversi per scavare sempre di più nella sua creatività, per mettersi alla prova come comunicatore prima ancora che come professionista della macchina fotografica. Come tutti i grandi artisti, è diventato un intellettuale prima che un fotografo di successo, un uomo di pensiero prima che d’azione, e ha trovato un modo tutto nuovo e personale di condividere la sua visione di un mondo pregno di bellezza anche nei dettagli apparentemente più banali.

«Si tratta sempre di cancellare per evidenziare. In ogni situazione cerco la significazione, la sintesi delle cose affinché, da oggetti, diventino soggetti. Il compito della fotografia creativa non è illustrare o rappresentare, ma esprimere.»

Franco Fontana non fotografa soltanto. Talvolta fotografa e disegna. Altre volte fotografa e dipinge. Di tanto in tanto, arriva a fotografare, disegnare e dipingere soltanto premendo un pulsante. Quello che non fa mai, o non più, è fotografare solamente. Padroneggiando il teleobiettivo, sa cancellare la terza dimensione, mostrandoci un mondo letteralmente piatto, spesso grafico, talvolta pittorico, ma sempre bellissimo, sorprendente, espressivo. Quale è. E più di quanto buona parte della gente, temo, sia stata in grado di realizzare finora.
Questa rilettura del genio di Franco Fontana è confortante e stimolante. Forse in molti di noi c’è del genio che spera di potersi manifestare, presto o tardi. Forse si tratta solo di scoprire il terreno sul quale liberarlo e, con esso, liberare noi stessi per offrire qualcosa di più a tanti. Forse dobbiamo soltanto desiderarlo fortemente e fortemente impegnarci affinché ciò accada.
Ciò su cui non c’è alcun dubbio è che Franco Fontana è già riuscito a farlo.

Redatto da

Alias Exibit. Appassionato cronico di arti visive come il web & graphic design e la fotografia, realizza siti web, supporti di comunicazione stampati e servizi fotografici in maniera continuativa da un decennio. Per conoscerlo meglio, cliccare qui.

Nuovo commento?

d
Follow us
error: Contenuto protetto.